Posted by Tiziana Cantoni
Tiziana Cantoni
Ovvero io, che raccolgo, approfondisco ed elaboro quello che sento, leggo, sperimento e lo trasformo in post, ...
User is currently offline
on Tuesday, 06 March 2012
in senonCINAsci

Le PMI e la Cina: se son rose fioriranno

Il numero di marzo della rivista economica Shanghai Business Review dedica l’articolo centrale al nostro Paese. Il titolo: The Roman Empire. Una lettura interessante e utile per chi vuole investire in Cina, dal momento che offre una panoramica accurata sui settori nei quali investire e sullo stato attuale delle relazione commerciale tra Cina e il nostro Paese.

Numeri
Scambi commerciali tra Italia e Cina
51,28 miliardi USD attuali che si prevede aumentare a 80 miliardi USD entro il 2015
Fonte: Italian Trade Commission

Esportazioni dall’Italia alla Cina nel 2011
17,57 miliardi di dollari
Fonte: Italian Trade Commission

Esportazioni dalla Cina all’Italia
33,71 miliardi di dollari
Fonte: Italian Trade Commission

Ecco un riassunto dei punti centrali.

1) Nonostante la crisi che investe l’Europa, le relazioni commerciali tra Cina e Italia sono in costante crescita. Questo grazie anche agli accordi stipulati nel 2011 tra governo cinese e italiano che mirano a portare gli scambi commerciali dai 51 bn di dollari attuali a 80 bn di dollari entro il 2015

2) Il settore di nicchia dei macchinari, della componentistica meccanica e dei semilavorati ha oggi un gran successo in Cina ed è in continua espansione. Nonostante le difficoltà che il settore presenta, l’Italia è particolarmente forte. Tanto che, fatto 100 il totale dell’esportazioni dall’italia alla Cina, il 40% è coperto dall’esportazione di componenti meccaniche e solo l’8% da componenti elettroniche.

3) Il numero delle aziende italiane presenti in Cina èin costante espansione: solo nella Cina costiera erano 230 nel 2008 e sono 900 nel 2012. Questo dato riguarda soprattutto le piccole medie aziende note per la loro capacità tecnologica e innovativa che permette loro di sviluppare prodotti unici e apprezzati localmente.

4) Cresce la fiducia da parte delle aziende italiane nel sistema cinese e contemporaneamente diminuisce il timore nell’affrontarlo.

5) L’Italia sta diventando anche la destinataria di investimenti cinesi che raddoppiano di anno in anno.La crisi che sta investendo l’Europa sembra aiutare l’espansione italiana in Cina, dal momento che le aziende italiane hanno iniziato a vedere la Cina come uno “strumento” per risolvere il problema crisi e non come la sua causa. Questo ha permesso alle aziende italiane di non fermarsi davvanti al colosso Cina, ma al contrario le ha spronate ad aumentare la loro presenza portando le operazioni in Cina ad un livello superiore.

Fonte: The Roman Empire (Shanghai Business Review)

Tags: Untagged

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment

Leave your comment

Guest
Guest Thursday, 20 September 2018